Detrazione spese alunni con DSA

La detrazione delle spese sostenute per studenti con DSA è una delle novità del modello 730/2019.

Nella dichiarazione dei redditi sarà possibile indicare l’importo di spesa sostenuto nel corso del 2018 per l’acquisto di strumenti didattici o sussidi tecnici ed informatici che facilitano lo studio.

Risultati immagini per IMMAGINE CALCOLATRICE E NUMERI NO COPYRIGHT

La nuova detrazione al debutto nel modello 730/2019 è rivolta alle spese sostenute in favore di studenti, minorenni e maggiorenni, ai quali è stato diagnosticato un disturbo specifico dell’apprendimento.

La detrazione degli strumenti utili per gli studenti con DSA è pari al 19% del totale della spesa sostenuta nel corso dell’anno d’imposta di riferimento. A differenza di quanto previsto per le spese scolastiche o, ad esempio, per le spese mediche, non sono previsti limiti e non vi è una franchigia da superare per aver diritto al bonus fiscale.

L’importo della spesa sostenuta dovrà essere indicato all’interno del quadro E del modello 730/2019, nella Sezione 1, righi da E8 a E10, utilizzando il codice 44.

Fino alla fine della scuola superiore è quindi possibile fruire dell’agevolazione fiscale pensata per offrire un supporto agli studenti con DSA che necessitano di particolari strumenti tecnologici per studiare.

Le spese che sarà possibile indicare nel modello 730/2019 sono gli “strumenti compensativi” che aiutano l’apprendimento, ossia gli strumenti didattici e tecnologici che sostituiscono o facilitano la prestazione richiesta nell’abilità deficitaria.

Per individuare le spese detraibili bisognerà quindi far riferimento a quanto indicato nelle Linee guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con DSA, allegate al Decreto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca del 12 luglio 2011, n. 5669.

Tra gli strumenti compensativi acquistati per agevolare lo studio di soggetti affetti da DSA rientrano:

  • la sintesi vocale, che trasforma un compito di lettura in un compito di ascolto;
  • il registratore, che consente all’alunno o allo studente di non scrivere gli appunti della lezione;
  • i programmi di video scrittura con correttore ortografico, che permettono la produzione di testi sufficientemente corretti senza l’affaticamento della rilettura e della contestuale correzione degli errori;
  • la calcolatrice, che facilita le operazioni di calcolo;
  • altri strumenti tecnologicamente meno evoluti quali tabelle, formulari, mappe concettuali, etc.

Sono detraibili i sussidi tecnici ed informatici e le apparecchiature e i dispositivi basati su tecnologie meccaniche, elettroniche o informatiche, come ad esempio i computer necessari per programmi di video scrittura, preposti a facilitare la comunicazione interpersonale, l’elaborazione scritta o grafica, l’accesso alla informazione e alla cultura.

Per poter beneficiare delle detrazioni sulle spese sostenute da e per conto di studenti con DSA, sarà necessario essere muniti di appositi documenti, tra cui il certificato medico che attesti il disturbo.

Oltre a questo, sarà necessario che la spesa sostenuta sia documentata con fattura o scontrino fiscale “parlante”. All’interno del documento dovrà essere indicato il codice fiscale dello studente con DSA, e la natura del prodotto acquistato.

Ricordiamo inoltre che la detrazione fiscale è prevista esclusivamente qualora vi sia un collegamento funzionale tra bene acquistato e DSA diagnosticato, così come indicato nella prescrizione autorizzativa rilasciata dal proprio medico.

Progetto “Dislessia Online”

 

Il progetto propone per la prima volta in Italia un servizio di screening telematico gratuito e innovativo sulle difficoltà di lettura, differenziato per fasce d’età, che offre al bambino e all’adulto una soluzione immediata alla richiesta di valutazione e trattamento delle difficoltà di lettura.
L’obiettivo dello studio è quello di sviluppare una piattaforma digitale interattiva, gratuita ed accessibile ad insegnanti e genitori, per la valutazione a distanza e il recupero on-line delle difficoltà di lettura del bambino e dell’adulto, riducendo così tempi e costi della presa in carico delle difficoltà di lettura.
Il progetto è rivolto a genitori e insegnanti di bambini con difficoltà di lettura dal II anno della scuola primaria all’ultimo della secondaria di secondo grado. Potranno accedere anche adulti che intendono verificare le loro abilità di lettura.
La dislessia è una difficoltà persistente nella lettura, che necessita di identificazione e trattamento tempestivi.
Il progetto si ispira al modello “Lexercise” utilizzato in Canada (www.lexercise.com), che propone una piattaforma digitale gratuita on-line per la valutazione e il recupero delle difficoltà di lettura del bambino. Le prove di valutazione sono proposte al computer, durano pochi minuti (5-10), offrono risultati immediati e sono supervisionate da un adulto che segue semplici istruzioni. Le raccomandazioni e le attività per il recupero dipendono dal grado di difficoltà rilevato.

Progetto “SCREENING”

mur d'images "déguisement"

Il 3^ Circolo Didattico “ R. Cotugno” arricchisce ulteriormente la sua Offerta Formativa con il progetto Screening realizzato dalla Dott.ssa Lombardi Caterina, pedagogista clinico nonchè docente della stessa scuola,  che ha visto coinvolti i bambini cinquenni frequentanti la scuola dell’infanzia del circolo e bambini provenienti dalle varie scuole private.

L’importanza dell’identificazione precoce, attraverso l’attivazione di azioni di screening, per individuare difficoltà iniziali o reali disturbi dell’apprendimento, è ormai diffuso tra gli studiosi e gli operatori della scuola.

La normativa italiana (L. 170/2010; Direttiva Ministeriale del  21 luglio 2011 e le Linee Guida allegate e le Linee guida per la predisposizione dei protocolli regionali per le attività di individuazione precoce dei casi sospetti di DSA del 17/04/2013)  assegna a tale ordine di scuola, un ruolo di assoluta importanza a livello preventivo. La scuola dell’ infanzia non può esimersi dall’avviare azioni di identificazione precoce, intese come azioni preventive.

Il DSA, per definizione, può essere riconosciuto con certezza solo quando un bambino entra nella scuola primaria, quando cioè viene esposto ad un insegnamento sistematico della lettura, della scrittura e del calcolo. È tuttavia noto che l’apprendimento della lettura, della scrittura e del calcolo si costruisce a partire dall’avvenuta maturazione e dall’integrità di molteplici competenze che sono chiaramente riconoscibili sin dalla scuola dell’infanzia. Il riferimento all’identificazione precoce dei DSA deve quindi intendersi come individuazione dei soggetti a rischio di DSA.

La valutazione precoce effettuata a livello di scuola dell’infanzia ha un duplice valore: da una parte riveste un’importanza clinica poiché consente di individuare precocemente il rischio di sviluppare nelle epoche scolastiche successive disturbi di lettura, scrittura e calcolo; dall’altra, la conoscenza della peculiarità del bambino, che emerge dai profili prestazionali ottenuti ai test, permette di calibrare la didattica in base alle sue esigenze e di decidere le modalità di intervento più idonee per stimolare o compensare le caratteristiche più deficitarie garantendo anche un potenziale successo scolastico dei ragazzi.

Lo screening è una metodologia di rilevazione che è in grado di predire un disturbo, non ha le pretese di evidenziarlo in modo inequivocabile, ma di individuare con una buona attendibilità i potenziali soggetti a rischio.

Nello specifico sono state indagate le seguenti funzioni cognitive: attenzione, memoria a breve termine, ricerca visiva, coordinazione visuo-motoria, denominazione e discriminazione fonologica, relazione causa-effetto, sequenza temporale, inseguimento oculo-manuale, simbolizzazione numerica e lessicale.

 

Autismo e Apprendimento con strumenti digitali

“Non restare al buio della non conoscenza dell’Autismo, accendi una luce blu”

In occasione della Giornata mondiale dell’Autismo il nostro impegno è quello di sensibilizzare coloro che condividono la propria quotidianità con persone neurodiverse sul diritto di apprendere, fornendo una chiave diversa per entrare all’interno delle molteplici sfumature dello spettro autistico.

Accenderemo insieme la luce della creatività con lo scopo di avere nuove idee per arrivare a far raggiungere a tutti gli alunni il massimo grado possibile di apprendimento e partecipazione sociale.

Iscriviti e segui gratuitamente il webinar: https://register.gotowebinar.com/register/3285358732377665804

Screening gratuito Centro autismo FI.ABA

la locandina dell'iniziativa

In occasione della giornata internazionale per la consapevolezza dell’autismo il centro Fi.Aba, del presidio di riabilitazione Quarto di Palo Mons. Di Donna, promuove tre giornate di screening gratuito per il disturbo dello spettro autistico, in programma il 3, 4 e 5 aprile 2019.

Possibilità di prenotare lo screening gratuito telefonando al 0883.542811, tutte le mattine dalle ore 10,30 alle ore 13.30, chiedendo della dott.ssa Irene Milano o della dott.ssa Gabriella Scorpiniti, oppure mandando una mail a fi.aba@trinitari.it